Press "Enter" to skip to content

Le 7 migliori piattaforme di peer to peer lending in Europa

Niccolò Pravettoni 0

La maggior parte delle fonti che potete trovare online riguardo al peer to peer lending vi parleranno di piattaforme americane, principalmente di Lending Club e Prosper. Questo non significa che le migliori piattaforme di peer to peer lending presenti in Europa siano da meno (se vuoi approfondire l’argomento leggi anche Peer to peer lending: cos’è e come funziona). 

Bisogna infatti considerare che le piattaforme americane (nel 99% dei casi) sono difficilmente accessibili per gli utenti stranieri. L’unica possibilità consiste nel avere un LLC negli stati uniti e investire tramite questa. La LLC deve comunque rispettare criteri stringenti, come avere un patrimonio di almeno 1M di $ oppure un reddito di 200.000$ l’anno.
Questo purtroppo non è il mio caso e ho dovuto quindi indirizzarmi verso altre e più accessibili opportunità.

Guardando all’Europa, oggi la maggior parte delle piattaforme di peer to peer lending (P2P lending) è concentrata in UK – che rappresenta oltre l’84% del mercato. Germania, Francia, e Est Europa (Lettona, Estonia e Ungheria in particolare) stanno vivendo un forte sviluppo per quanto riguarda il peer to peer lending, con un numero sempre maggiore di startup che mirano a diventare i futuri leader di mercato.

Per questo motivo sono convinto che una rassegna delle migliori piattaforme di peer to peer lending attive in Europa sia più che utile a tutti coloro che non vivono negli USA e cercano delle ottime opportunità di investimento.

1. RATESETTER

RateSetter, pioniera in Europa, è famosa per aver introdotto il concetto di “provision fund” (una funzionalità per limitare maggiormente il rischio degli investitori).
Lanciata nel 2010, RateSetter ha finanziato 600 miliardi di £ di prestiti l’anno scorso. Con più di 40.000 investitori registrati e circa 240.000 utenti in cerca di un finanziamento. E’ la seconda piattaforma in UK per dimensione.
E’ accessibile a utenti che vivono al di fuori del Regno Unito. Questi devono però avere un conto bancario di proprietà attivo in UK.


2. BONDORA

Con headquarter a Tallin, in Estonia, Bondora è una delle maggiori piattaforme di peer to peer lending attive in Europa con circa 15.000 investitori attivi.
Riesce a garantire ottimi ritorni ai propri investitori (con picchi del 25% annuo). La piattaforma, a una prima occhiata, risulta un po’ complessa nel funzionamento. Serve giusto un po’ di pratica e impegno per riuscire a prenderci la mano e sfruttare al meglio il suo potenziale.

(Iscrivendosi tramite questo link si ottiene un bonus di 5€ sul primo deposito)


3. MINTOS

Piattaforma lettone, con base a Riga, Mintos propone investimenti in prestiti personali emessi da finanziarie (non banche). Ogni prestito porta con se un bene fisico in garanzia, come una macchina o una casa, nel caso in cui le rate mensili non venissero rimborsate. Offre un ritorno interessante per i piccoli investitori di tutta Europa (interessi fino al 15% annuo) e il numero di finanziarie che si appoggiano a Mintos per finanziare i propri prestiti è in continuo aumento.  
Ottima notizia: Mintos al momento non applica nessuna fee agli investimenti!

Scopri come ho guadagnato il 19.68% in soli 18 mesi. Leggi la mia esperienza con Mintos.

(Iscrivendosi da questo link si ottiene un bonus cashback del 1% sul primo deposito).

4. SMARTIKA


Smartika è la principale (e per ora unica) piattaforma di peer to peer lending “Made in Italy”. Si pone l’obiettivo di mettere in contatto chi cerca un prestito con potenziali investitori per garantire a entrambi tassi di interesse il più possibile competitivi con il mercato tradizionale.
Questo si traduce in ritorni intorno al 5-6% annuo per prestiti fino a 15.000€. Interessante il programma Fondo Ritardi per dare maggiori garanzie agli investitori. 

5. ZLTY MELON


Zlty Melon è una piattaforma slovacca, lanciata nel 2013. E’ aperta a tutti i cittadini residenti in Unione Europea. A differenza del nome (impronunciabile), la piattaforma è molto bella graficamente e anche l’user experience piacevole. I ritorni attesi sono anch’essi interessanti, tra il 6% e il 10% annui. E’ possibile raggiungere anche punte più alte, ma ovviamente si finirà per finanziare prestiti con un rischio più alto rispetto alla media.  

6. VIVENTOR


Giovane piattaforma di peer to peer lending lanciata nel 2015. Viventor è aperta a tutti i cittadini residenti in UE. Offre un ritorno intorno al 10% annuo con Buyback Guarantee (garanzia in caso di debitore insolvente). Purtroppo le esperienze degli investitori ad oggi non sembrano essere del tutto positive, come mostra TrustPilot.

 7. TWINO


Piattaforma Lettone, Twino è probabilmente più simile a una crowdfunding platform rispetto a un vero e proprio peer to peer lending.
Con il ruolo di sussidiaria della sorella maggiore Finabay, Twino rivende ai propri investitori parte del credito prestato e garantito da Finabay in cambio di un commitment di breve o medio periodo.


Per riassumere

migliori piattaforme di peer to peer lending per investitori europei
* la piattaforma si impegna a ricomprare il credito nel caso in cui il debitore risulti insolvente per più di 30 giorni (Twino) o 60 giorni (Mintos).
Condividi come più ti piaceShare on FacebookShare on LinkedInEmail this to someoneShare on Google+

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: